Il leader viola

In questo blog ho parlato altre volte di leadership e di come e quanto possa contribuire alla “costruzione” di un leader la sua formazione, le competenze trasversali, la capacit√† di motivare gli altri e di saperli ascoltare e quella di riuscire a vedere, con lungimiranza, oltre le esigenze e le contingenze quotidiane. Ma quanto un leader deve (pu√≤) essere una persona “straordinaria”?

Utilizzo questa parola riprendendo il concetto del libro di Seth Godin, “La mucca viola“. Per chi non lo avesse letto il libro parte proprio enunciando un concetto semplice: un prodotto √® viola quando¬†per le sue caratteristiche e qualit√† risulti essere unico nel suo genere, originale e, appunto, “straordinario”. Una mucca viola ottiene, pi√Ļ di ogni altra, una cosa: l’attenzione unica di chi la guarda. Non √® possibile distrarsi se abbiamo davanti una mucca viola, non √® possibile non stupirsi la prima volta che la si vede, non √® possibile non continuare a pensarci una volta vista. Insomma, la mucca viola √® qualcosa di straordinario ed originale, unico, irripetibile, invidiabile, migliore, innovativo. Possibile che esista anche il leader viola?

Sono tempi in cui chiaramente la straordinariet√† premia, soprattutto se intesa come l’opportunit√† di stupire e di meravigliare gli altri. Anche l’assunto da cui parte l’esperto americano di marketing √® quello che l’attenzione generale √® molto pi√Ļ sfuggente: consumatori, lettori, spettatori (collaboratori?) son sempre meno disponibili a mantenere una concentrazione intensa e duratura su ci√≤ che viene loro presentato. Giusto o sbagliato che sia sembra quasi essere un fenomeno fisiologico, dovuto quasi ad un mutare antropologico. Ma la straordinariet√† aiuta anche a costruire team efficaci ed efficienti?

Se i prodotti nei mercati hanno ancora bisogno di mucche viola non lo so, ma le organizzazioni hanno bisogno di leader che possano portare anche altri colori. Il “leader viola” genera sicuramente uno stupore che pu√≤ essere utile inizialmente: per convincere, spingere a partecipare, introdurre un cambiamento in maniera entusiastica. Ma poi ha bisogno anche di altro: della motivazione, cio√® di imprimere la¬†forza che ci spinge a fare qualcosa¬†facendo leva sulle emozioni (violetto?); della flessibilit√†, la capacit√† di adeguarsi in fretta a un cambiamento mettendo a punto adeguate strategie¬†(turchese?); della resilienza, la capacit√† di reagire ai traumi salvandosene e migliorando¬†(indaco?). Oltre lo stupore, per un leader, ci sono tante altre sfumature.

leader viola